Effetti sulla salute dei riscaldatori del cherosene

Problemi respiratori

Il cherosene è un tipo di olio combustibile utilizzato per l’illuminazione, il riscaldamento e la cottura. Come molti oli combustibili, è derivato da petrolio greggio. Il cherosene è un liquido a temperatura ambiente, ma può evaporare, perciò le persone possono essere esposte al kerosene ottenendolo sulla loro pelle o inalando i fumi. L’esposizione diretta al cherosene o un sottoprodotto di bruciore del cherosene, come il monossido di carbonio, può produrre effetti negativi sulla salute.

Sintomi gastrointestinali

Secondo l’Agenzia per le sostanze tossiche e il registro delle malattie (ATSDR), le persone che usano regolarmente i riscaldatori di cherosene non hanno più malattie respiratorie rispetto alla popolazione generale. Tuttavia, l’inalazione del cherosene potrebbe causare un cambiamento a breve termine nel modo in cui odori o gusti. Inoltre, l’inalazione di vapori di cherosene potrebbe causare alcune persone a diventare vertigini o nauseati. Respirare i fumi a lungo termine potrebbe causare danni neurologici o renali, compresi i coaguli di sangue che danneggiano il cervello, il cuore o altri organi.

Bruci e fuoco

Questi sintomi causati dai riscaldatori di cherosene si presentano più spesso nei bambini che hanno cercato di bere il cherosene, secondo l’ATSDR. I sintomi di avvelenamento da cherosene includono vomito, diarrea, crampi di stomaco o gonfiore nello stomaco, tosse, irrequietezza e sonnolenza o incoscienza. Poiché i bambini possono provare a bere il cherosene da lattine o serbatoi e dal riscaldatore, tenere tutti i contenitori di cherosene fuori dalla portata di un bambino e insegnargli a non toccare mai il riscaldatore, anche se non è ancora presente.

Avvelenamento da monossido di carbonio

Per evitare questi, la Commissione per la sicurezza dei prodotti per i consumatori raccomanda di utilizzare tutte le attrezzature di protezione dotate di un riscaldatore a cherosene, incluse le griglie o le coperture progettate per proteggere le persone dall’intento a venire a contatto con elementi caldi. Per ridurre il rischio di incendio, riempire sempre il radiatore del cherosene all’aperto e non lasciare il riscaldatore in funzione. Se si verificano ustioni, eseguire acqua fredda e non fredda sull’area interessata e chiamare immediatamente il medico o i servizi di emergenza locali.

Secondo l’U.S.Agenzia per la protezione dell’ambiente, l’avvelenamento da monossido di carbonio è più comune tra gli utilizzatori di riscaldamento a cherosene che l’avvelenamento da respirare i fumi. I primi sintomi di avvelenamento da monossido di carbonio (CO) includono fatica e possibilmente dolore toracico, seguito da vertigini, nausea, confusione e mancanza di coordinamento. L’avvelenamento da monossido di carbonio può essere fatale. Se qualcuno della tua casa comincia a sbloccare mentre viene utilizzato il riscaldatore a cherosene, spegnere il riscaldatore e spostare tutti in casa in una posizione con abbondante aria fresca, all’aperto, se possibile.